Unione Degli Avvocati d'Italia

Sezione di Barletta

 
   
lunedì 10 dicembre 2018 - ore 02:38
CAMERA PENALE DI TRANI: comunicazione astensione dalle udienze penali e dall'attività giudiziaria per il 27 novembre 2009 -


giovedì 5 novembre 2009

Comunichiamo che la Giunta delle Camere Penali Italiane con delibera del 19.10.2009 ha proclamato dello stato di agitazione dei penalisti italiani e l'astensione dalle udienze penali e dall'attività giudiziaria per il giorno 27 novembre 2009, astensione che è stata convocata e si svolgeraà nel pieno rispetto delle norma di Legge in materia e delle altre disposizioni sulle astensioni forensi ( ivi compresi i termini previsti e le comunicazioni agli Uffici Giudiziari e alle altre Autorità)

Il Presidente
Avv. Tullio Brtolino

GIUNTA DELLE CAMERE PENALI ITALIANE

Delibera 19 ottobre 2009

La Giunta dell?Unione delle Camere Penali Italiane

viste

la mozione approvata dal Congresso Straordinario dell?UCPI il 4 ottobre 2009 all?esito della discussione svoltasi nell?ambito della Sezione di lavoro dedicata a ?La questione carcere?;

la mozione approvata dal Congresso Straordinario dell?U.C.P.I. il 4 ottobre 2009 su proposta della Camera Penale ?G. Bellavista? di Palermo e di altri firmatari;

ritenuto

come già espresso in sede congressuale, i contenuti di tali mozioni, che qui si richiamano, sono interamente da condividersi;

valutato

- l?intollerabilità dell?odierna situazione carceraria, denunciata da mesi da molte Camere Penali territoriali e dalla Giunta, anche di concerto con gli altri soggetti operanti in detta realtà, e censurata anche in una recente pronuncia della Corte Europea di Strasburgo, trova la sua origine in scelte di politica criminale, che, mosse da mere esigenze di propaganda, hanno sotto più aspetti inasprito il regime sanzionatorio e detentivo;

- a fronte di una situazione il cui carattere di emergenza è noto e reso viepiù evidente dai continui episodi di protesta e persino da condotte di autolesionismo, rifulge la completa assenza, salvo rare meritorie eccezioni, di adeguata proposta politica da parte del governo così come da parte delle forze politiche di opposizione;

- se infatti il c.d. piano per l?edilizia carceraria, al di là dei lunghissimi tempi previsti per la sua attuazione, non vale comunque di per sé a garantire la finalità ultima della pena rappresentata dalla piena rieducazione del condannato, non si intravede peraltro alcuna volontà di mettere mano alle necessarie modifiche normative atte a far fronte adeguatamente alla situazione di emergenza causata dal sovraffollamento;

valutato inoltre

- le istanze ?securitarie?, origine prima dell?odierna drammaticità delle condizioni di vita nelle carceri, sono state recentemente utilizzate dal Parlamento anche al fine di inasprire ancor più il regime detentivo previsto dall?art. 41 bis dell?O.P., introducendo ulteriori profili di illegittimità costituzionale in un trattamento che già viola profondamente, sotto più aspetti, i diritti fondamentali della persona e l?uguaglianza dei cittadini;

- nel dispiegarsi della volontà di dimostrare una pretesa inflessibilità a fronte dei fenomeni criminali, il Parlamento si è ultimamente spinto persino ad introdurre norme che violano palesemente il diritto di difesa del detenuto in regime differenziato, limitando nel numero e nella durata i colloqui con il difensore, e che ?criminalizzano? l?avvocato, gettando sulla sua figura l?ombra di condotte di connivenza od agevolazione che ne ledono irrimediabilmente la dignità istituzionale;

ribadisce

- l?inumanità delle condizioni di vita in cui versano attualmente i detenuti, unitamente ai dati ufficiali relativi ai fattori che favoriscono la condotta recidivante, impongono un completo ripensamento del sistema delle pene, sì da differenziare il trattamento del condannato in ragione della natura del fatto commesso e della specifica capacità a delinquere, individuando pene ?altre? rispetto a quella detentiva e ben più di questa adeguate a garantire il ravvedimento del reo ed il suo reinserimento nel contesto civile;

- il regime detentivo differenziato previsto dall?art. 41 bis dell?O.P. viola palesemente i diritti fondamentali della persona ed introduce elementi di privazione dei bisogni più elementari dell?uomo che non trovano giustificazione nelle esigenze di sicurezza che esso astrattamente persegue, con ciò ponendosi in radicale conflitto con il principio di uguaglianza;

- il diritto di difesa, nella sua inviolabilità, non tollera discriminazione alcuna in ragione di una ritenuta maggiore pericolosità del soggetto detenuto né tantomeno può consentirsi, a cagione delle medesime istanze di prevenzione, la mortificazione dell?alto ruolo svolto dal difensore;

denuncia

alla pubblica opinione, unitamente alla drammaticità delle condizioni di vita in cui attualmente versano i detenuti italiani ed alle palesi violazioni dei diritti primari che essi a vario titolo subiscono, la completa inefficacia di una agire politico che, in luogo della asserita sicurezza dei cittadini, è destinato al contrario a produrre un?intensificazione del fenomeno criminale, in uno con la regressione del livello di civiltà dello Stato;

denuncia altresì

la completa assenza da parte della politica di proposte adeguate a far fronte con razionalità ad una situazione di sovraffollamento di tale allarme da aver raggiunto il livello più critico dal dopoguerra;

esprime

la più ferma protesta a fronte della introduzione di norme giuridiche che consacrano una intollerabile e mai sopita cultura del sospetto nei confronti di colui che è costituzionalmente preposto alla tutela dei diritti del cittadino sottoposto a procedimento o colpito da sanzione penale;

proclama

lo stato di agitazione dei penalisti italiani e l?astensione dalle udienze penali e dall?attività giudiziaria penale per il giorno 27 novembre 2009, astensione che sarà convocata e si svolgerà nel pieno rispetto delle norme di legge in materia e delle altre disposizioni sulle astensioni forensi (ivi compresi i termini previsti e le comunicazioni agli Uffici Giudiziari e alle altre autorità)

invita

tutte le Camere Penali territoriali a partecipare alla manifestazione pubblica per la legalità della pena che si terrà a Napoli il giorno 28 novembre 2009;

dispone

la trasmissione della presente delibera al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro della Giustizia, ai Presidenti della Camera e del Senato, ai Presidenti e componenti delle Commissioni Giustizia, ai responsabili di tutte le forze politiche.

Roma, 19 ottobre 2009

La Giunta dell?Unione delle Camere Penali Italiane

Il Segretario
Avv. Lodovica Giorgi

        

Il Presidente
Avv. Oreste Dominioni

Fonte: sito dell'Ordine degli Avvocati di Trani: http://www.ordineavvocatitrani.it