Unione Degli Avvocati d'Italia

Sezione di Barletta

 
   
lunedì 10 dicembre 2018 - ore 02:53
La ricerca telematica dei beni pignorabili è ora
La riforma del processo civile consente al creditore di accedere direttamente alle banche dati dell’Anagrafe tributaria, del PRA e degli enti previdenziali per trovare beni pignorabili; non occorre più aspettare i decreti attuativi.

domenica 28 giugno 2015

Tra le novità introdotte dal recente Decreto Legge di riforma del processo civile, vi è quella riguardante la ricerca telematica dei beni pignorabili che diventa finalmente libera, mediante accesso diretto del creditore alle banche dati utilizzate dalla pubblica amministrazione come l’Anagrafe Tributaria, gli archivi dell’INPS, il PRA, l’anagrafe dei conti correnti, i registri immobiliari, ecc. . In particolare il nuovo decreto legge “liberalizza” la ricerca telematica dei beni del debitore da pignorare, senza che vi sia più necessità dei famosi – e mai emanati – decreti attuativi che l’originaria legge aveva imposto per l’operatività di tale riforma: pertanto il creditore, previamente autorizzato dal Presidente del Tribunale, potrà cercare beni mobili, immobili, autoveicoli e conti correnti da pignorare accedendo direttamente alle banche dati tributarie e previdenziali, nonché al registro automobilistico, senza doversi prima rivolgere agli ufficiali giudiziari, ma chiedendolo direttamente alle pubbliche amministrazioni interessate e titolari della relativa banca dati. La riforma appena approvata è “a scadenza”: essa, cioè, apre le porte alla ricerca telematica nell’ambito del pignoramento per un solo anno. Il che si traduce in una sorta di moratoria concessa al ministero per l’emanazione dei decreti attuativi. Si ricorda che lo strumento della ricerca telematica dei beni attraverso la consultazione delle banche dati della Pubblica Amministrazione è stato introdotto dalla riforma della giustizia civile del 2014 che ha previsto due alternative: a) accesso alle banche dati tramite ufficiale giudiziario ; b) accesso diretto del creditore, solo quando le strutture tecnologiche presso le cancellerie, necessarie a consentire l’accesso da parte dell’ufficiale, non sono funzionanti . Salvo qualche caso isolato [5], le istanze di autorizzazione alla ricerca telematica dei beni presentate dai creditori venivano spesso rigettate proprio per la mancata emanazione della regolamentazione attuativa della materia: un regolamentazione che, previo parare del Garante della Privacy, doveva fissare i casi e i limiti di utilizzabilità del nuovo strumento[6]. Gli stessi limiti sono stati, in passato, frapposti anche quando il creditore chiedeva l’accesso diretto perché, a causa della mancanza di collegamenti degli uffici giudiziari alle banche dati della PA, le strutture tecnologiche non erano funzionanti. Si veda a titolo esemplificativo il provvedimento del Tribunale di Venezia qui commentato: Ricerca telematica dei beni da pignorare: ancora uno stop. Oggi, invece, viene dato il via libera alla ricerca telematica diretta del creditore: l’istanza non potrà più essere rigettata sulla base dell’assenza dei decreti attuativi. Il Dl di riforma del processo civile prevede infatti la possibilità la ricerca con modalità telematiche dei beni da pignorare, limitatamente alle banche dati dell’anagrafe tributaria, compreso l’archivio dei rapporti finanziari, del pubblico registro automobilistico e degli enti previdenziali, per l’acquisizione di tutte le informazioni rilevanti per l’individuazione di cose e crediti da sottoporre ad esecuzione, comprese quelle relative ai rapporti intrattenuti dal debitore con istituti di credito e datori di lavoro o committenti. L’accesso è ammesso anche fino all’adozione di un decreto dirigenziale del Ministero della giustizia, che attesta la piena funzionalità delle strutture tecnologiche necessarie a consentire l’accesso alle medesime banche dati. Riepilogando, la riforma scioglie definitivamente il dubbio sull’utilizzo della ricerca telematica dei beni prevedendo che, nell’attesa delle istruzioni ministeriali definitive (da adottarsi entro dodici mesi), il creditore, possa accedere a determinate banche dati (anagrafe tributaria, Inps, PRA, ecc.): – direttamente, con provvedimento del Presidente del tribunale che lo autorizza a “bypassare” gli ufficiali giudiziari; – anche se le strutture tecnologiche degli uffici esecutivi non sono ancora funzionanti; – nonostante non siano stati ancora emessi i decreti attuativi che dovranno disciplinare le modalità e i limiti della ricerca.

www.laleggepertutti.it

Fonte: http:// www.laleggepertutti.it /